Google+ Google+ Google+

giovedì 28 gennaio 2016

Come spiegare a tua figlia che le hai centrifugato i pupazzi (VIDEO)

E dopo il post in cui vi spiego come far mangiare la verza a una bambina, ecco un nuovo tutorial Aranzulla's style con tanto di video dimostrativo.

Questa volta il problema da risolvere era questo.

Mia figlia ha la camera piena di pupazzi. In realtà ha quasi solo pupazzi, gli altri giocattoli non la prendono così tanto, e dopo qualche mese di inutilizzo li faccio magicamente sparire per evitare sovraffollamenti. I pupazzi però non se li dimentica, no. Ognuno di loro ha un nome, una voce, una personalità. Ognuno è arrivato a modo suo: chi atterrando direttamente sul balcone, chi comparendo su un cespuglio del parchetto davanti all'asilo, chi spuntando da sotto le coperte del lettino dopo averla attratta con una scia di caramelle... Emma ha trovato un pupazzo persino nel frigorifero. Insomma sono la sua passione, i suoi migliori amici, i fratellini che non ha mai avuto (e probabilmente mai avrà).

Anch'io adoro i pupazzi: sono morbidi quando ti colpiscono in faccia, sono silenziosi e non sporcano. Però si sporcano, oh se si sporcano.

E così l'altro giorno, approfittando dell'assenza di Emma e della mia pausa pranzo, ho deciso di ficcarli tutti quanti in lavatrice. Solo che... ecco... causa centrifuga troppo potente ne sono usciti un po' provati. E mi sono resa conto che al suo ritorno Emma si sarebbe trovata la cameretta piena di pupazzi umidicci e strapazzati.

Dovevo spiegarglielo in qualche modo.

E così ho approfittato del nostro quotidiano "punto della situazione". Quando vado a prendere Emma all'asilo lei mi chiede sempre come si sono comportati i suoi pupazzi in sua assenza. Ogni volta le racconto di rave party, club del libro e altre attività ricreative che si inventano i suoi amichetti per intrattenersi in attesa che lei torni dall'asilo. Le riferisco delle liti tra me e loro, delle mie scenate ("Abbassate la musica, sto cercando di lavorare!!!") e delle volte in cui sono costretta a sedare vere e proprie risse. Lei si diverte un sacco.

E così ho pensato di usare la nostra chiacchierata quotidiana per spiegarle l'aspetto improbabile dei suoi adorati. A me è sembrata convinta, che dite? Guardate il video e fatemi sapere...


2 commenti:

  1. Geniale, cercherò di ricordarmelo tra qualche anno ;)

    RispondiElimina

Google+