Google+ Google+ Google+

mercoledì 11 aprile 2012

Emma ha una sosia con una Madre Perfetta

L'altro giorno io e Marito ci trovavamo in fila alla cassa del supermercato. Io, gnoma in braccio, stavo chiacchierando con una ragazza che mi raccontava del suo bimbo di 9 mesi che una volta era come Emma (un neonato di 2 mesi...). Come fanno spesso le neo-mamme ci stavamo confrontando sui rispettivi pargoli (il tuo piangeva la notte? ma la tua quanto pesava alla nascita? quando hai cominciato a dargli la frutta? ecc. ecc.) quando con la coda dell'occhio ho notato che una coppia con bebè dietro di noi continuava a indicare Emma con stupore.

La mamma, incrociando il mio sguardo, ha finalmente parlato. "Scusa ma... vieni a vedere mia figlia?" mi ha chiesto indicando la sua culla. Io, curiosa, mi sono avvicinata e... ORRORE&RACCAPRICCIO! Dentro la culla della giovane coppietta dormiva placidamente... la mia gnoma! O meglio, una bambina identica in tutto e per tutto alla mia! "Stavamo guardando la vostra bimba e ci siamo resi conto che è uguale alla nostra" mi fa la ragazza, ridendo. Stesse guanciotte, stesso profilo, stesso doppio mento: se durante uno dei miei pisolini da poppata mi avessero prelevato Emma e attaccato alla tetta l'altra bambina l'avrei cresciuta come figlia mia senza sospettare alcunché.

Poi però, pensandoci bene, una differenza tra loro c'era eccome (geni a parte). Già perché suddetta Gnoma 2 era figlia della classica Madre Perfetta. Della Madri Perfette hanno già parlato a sufficienza altre blogger ben più sagge e seguite di me, quindi evito di descrivervi la tipologia (anche se è facile immaginare di cosa si tratta). 

Fatto sta che la differenza tra la sottoscritta (Madre Degenere) e una Madre Perfetta la si deduce già osservando i frutti delle nostre fatiche: le bambine. 

  1. La Gnoma Perfetta era placidamente addormentata nella sua confortevole navicella di marca - La Gnoma Degenere era in braccio perché dopo nemmeno due mesi io e Marito ci siamo rotti le balle di montare e smontare il passeggino che sempre più spesso rimane in macchina;
  2. La Gnoma Perfetta era pulita, profumata, borotalcata e ben vestita con pizzi e merletti - La Gnoma Degenere indossava una delle sue tutine da battaglia di terza mano con macchia di vomito sul colletto e gamba destra stranamente umidiccia. Ovviamente il pannolino era pieno di merda da almeno due ore;
  3. La Gnoma Perfetta sembrava perfettamente a suo agio sotto al lenzuolino lindo e stirato e alla copertina di lana ricamata, tanto ben rimboccata da sembrare dipinta - La Gnoma Degenere non sa cosa sia un lenzuolino e appena le viene posata sopra una coperta la scaglia dall'altra parte della stanza con rabbia. Inoltre, la Gnoma Degenere pensa che il verbo "rimboccare" significhi "imboccare due volte";
  4. La Gnoma Perfetta stava facendo il suo riposino quotidiano delle 17.30 tra la poppata delle 16.20 e quella delle 18.40 -  La Gnoma Degenere non mangiava (per sua scelta) da ore e si preparava a recuperare tutte le poppate saltate da mezzanotte alle 9.00 del mattino successivo.
Insomma, forse tanto identiche non erano, però, che diamine, le guanciotte erano proprio le stesse!

2 commenti:

  1. Oddio le mamme perfette...stamani sono andata a fare la spesa e solo quando sono tornata mi sono accorta di avere sul cappotto due patacche di frutta omogeinizzata lasciate dall'erede sulla porta di casa nell' atto di tenermi mentre urlava mammanummelassa'...lui attualmente ha una serie di patacche che partono da metà felpa per arrivare ai calzini...lo cambio? Neanche per idea....
    Lucia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahahaha il "mammanummelassà" è bellissimo....

      Elimina

Google+